CERCAVO UN’ALTRA COSA

Ci scrive,
il nostro io (il tuo te, il suo lui..).
Poeta sulla linea, chiede attenzione. Via su, un po’ di memorie!
 
E’ solo un  f i l o.
Geografia dell’amplitudine tra grani di riso e gocce già immerse.
Come bandierine tibetane, svolazza
bucato di contagiosa releganza!